Master in Editoria e Comunicazione, tra sogni ed opportunita’

Ben articolato il piano di studi, tra aula, sviluppo di progetti e visite; molto utili le masterclass. Ha fatto la differenza il modulo di personal branding e orientamento con una orientatrice qualificata Asnor, per la valorizzazione delle competenze e la scelta dello stage più in linea con i nostri profili. Innform è stato attento alle nostre esigenze.
Quando mi viene chiesto come sia approdata al Master in Editoria e Comunicazione della Innform, rispondo per puro caso, per una di quelle assurde deviazioni che la vita subisce di tanto in tanto, mentre stai facendo altri programmi. Succede che un giorno qualcosa che non avevi mai completamente messo da parte bussi alla tua porta, e che tu rimanga sull’uscio per un bel po’ prima di aprire, prima di accorgerti che non avresti potuto fare altrimenti. Nel mio caso si tratta della passione per il mondo della scrittura e della comunicazione. 

Ho avuto la fortuna di lavorare in una classe di persone collaborative e motivate e di confrontarmi con docenti che sono prima di tutto professionisti del settore, i quali ci hanno guidati nella realizzazione pratica di progetti in ambito giornalistico ed editoriale, seguiti da un ente di formazione sempre attento alle nostre esigenze.

Il piano di studi è stato ben articolato tra formazione, project work e visite didattiche. Una parte delle ore di spese in aula è stata dedicata alle masterclass, che ho trovato molto utili perché ci hanno offerto uno spaccato delle professioni legate al mondo dell’editoria e della comunicazione. La digitalizzazione e la crescente importanza che lo storytelling sta acquisendo nel mondo aziendale e delle pubbliche amministrazioni, stanno facendo sì che a fianco alle professioni tradizionali, si affermino nuovi profili lavorativi competenti in questi ambiti. Da ciò deriva l’aumento della richiesta di persone specializzate. 

In particolare, con l’illustratore Danilo Barbarinaldi, cofondatore del collettivo Bandabendata, abbiamo approfondito la conoscenza del fumetto, simulando il lancio sul mercato di un prodotto editoriale da noi ideato. Giuseppe Cerone, cofondatore dell’agenzia di comunicazione Sense Buzz di Lisbona, ha portato all’interno del master la sua esperienza internazionale e ci ha fornito un’introduzione pratica al performance marketing. Il fondatore di Altrimedia Edizioni Vito Epifania ci ha guidati, con la sua esperienza, verso l’ideazione di un progetto di editoria del territorio e l’approfondimento di format come blog e podcast. Giovanni Lamanna della Gilam Agency, invece, ci ha fatto dare una sbirciata nella valigetta di agenti letterari storici come Max Perkins, scopritore di Hemingway e Fitzgerald. Infine Alex Pietrogiacomi, responsabile ufficio stampa e comunicazione presso Tsunami Edizioni, nonché giornalista, scrittore e karateka, ci ha insegnato come rendere efficace un comunicato in poche, semplici, mosse.

Un altro aspetto del corso che, a mio avviso, ha fatto la differenza è stato il modulo della docente Stefania Clemente, orientatrice qualificata Asnor, dipendente di Universosud, che ci ha accompagnati con dedizione in un percorso di personal branding e orientamento. Attraverso un lavoro accurato sulla valorizzazione delle competenze e vision di ognuno, ci ha condotti verso la scelta dello stage più in linea con i nostri profili personali e professionali. Grazie al lavoro di Stefania abbiamo compreso che cv, lettere motivazionali e bilanci di competenze non sono freddi elenchi, ma possono parlare di come “ogni essere umano è una risorsa per il mondo e può contribuire a trasformarlo.”

A conclusione, posso dire che sono felice che la vita mi abbia presentato questa opportunità. Sto scoprendo che le professioni legate alla scrittura sono molteplici, e che scrivere per professione potrebbe essere più che un sogno. 

STEFANIA IANNIELLO

Comments are closed.
Siamo Aperti da Lunedì al Sabato INFO
clicca sul bottone per contattarci
CONTATTACI