Master Safety Manager

Esperto in sicurezza e ambiente
CHIAMA SUBITO PER INFORMAZIONI:
335.7233989
346.4145856

Obiettivo

Il master  “Safety Manager: esperto in sicurezza e ambiente” ambisce a formare una figura trasversale e altamente richiesta nel mercato del lavoro, facendo acquisire agli allievi le competenze utili per:
individuare i corretti dispositivi di protezione individuale nei diversi ambienti lavorativi;
implementare un documento di valutazione rischi con programma di miglioramento continuo e con una forte attenzione alla prevenzione del rischio ;
saper individuare i pilastri sui quali si fondano norme e concetti di spreco – riutillizzo, differenziare rifiuti e adottare comportamenti corretti.
Un focus sul personal branding consentirà l’acquisizione di competenze comunicative efficaci, personalizzate in base agli interlocutori che, con ruoli diversi, intervengono nei processi lavorativi.
Il master mette a disposizione strumenti preziosi come la possibilità di entrare in realtà produttive di diversa natura, guidati da esperti, per osservare ed analizzare queste realtà, insieme alle persone che la vivono nel quotidiano.
Le visite aziendali, “fiore all’occhiello” del presente master, sono successivamente oggetto di confronto ed approfondimento in aula con i docenti, selezionati in base a competenze, passione per il settore ed etica professionale.

 

In Italia le statistiche relative agli infortuni sul lavoro e alle malattie professionali riportano dati negativi.
Questo scenario porta e porterà sempre più all’ampliamento della richiesta di esperti capaci di gestire efficacemente i sistemi di sicurezza.
Tutte le aziende e pubbliche amministrazioni hanno oggi l’esigenza di coordinare e monitorare il proprio sistema di gestione della sicurezza per offrire una sempre maggiore tutela e garanzia per l’ambiente e i lavoratori.
Come risposta a questo fabbisogno è necessario dotarsi di figure specifiche capaci di coordinare questo sistema.
In considerazione della centralità del tema ambientale, il corso è in linea con la Smart Specialization Strategy della Regione Basilicata (S3) in particolare con le aree BIOECONOMIA ed ENERGIA, per le quali l’innovazione gestionale in ambito ambientale è di fondamentale importanza per la tutela e valorizzazione del territorio.
Il corso, in coerenza con la S3, fornisce i requisiti guida per l’implementazione di un sistema di gestione ambientale che una organizzazione può mettere in atto al fine di ridurre l’impatto sull’ambiente ed attuare una politica di sostenibilità ambientale.
Nello specifico, il percorso didattico affronta le seguenti tematiche:
  • la gestione territoriale della risorsa idrica, con l’adozione di misure gestionali che ottimizzano l’impiego della risorsa idrica in vari campi e soprattutto in quello industriale, determinando un risparmio di acqua che vuole dire risparmio energetico;
  • la gestione dei rifiuti che può portare alla valorizzazione energetica e allo sviluppo sostenibile;
  • l’efficienza energetica con l’obiettivo della riduzione delle emissioni.
Agevolazioni fino al 100% per la partecipazione

Al superamento di n. 10 allievi, saranno aggiunte le certificazioni:
ISO 9001: 2015
ISO 50001: 2018
1 Step 1
CONTATTACI
keyboard_arrow_leftPrevious
Nextkeyboard_arrow_right

PROGRAMMA

Aula/laboratorio/certificazioni: 300 ore

Visite aziendali: 60 ore

Project work- elaborazione di un progetto su un caro reale: 140 ore

Tirocinio: 400 ore

METODOLOGIA:

Visite aziendali in realtà differenti e significative

  • Stage presso aziende private interessate a implementare e rafforzare sistemi di sicurezza aziendali ed orientate a dotarsi di figure interne e consulenziali a tal fine preposte
  • Project work presso enti pubblici o aziende private, su casi reali affidati direttamente dalle organizzazioni
CERTIFICAZIONI:
  • ISO 19011 – 17021 Auditor sistemi di gestione: metodologie di audit
  • ISO 45001:2018 – Lead Auditor Sistemi di Gestione per la Salute e Sicurezza sul luogo di lavoro (durata 40 ore – corso specialistico per auditor di terza parte qualificato AICQ SICEV)
  • ISO 14001:2018 – Lead Auditor Sistemi di Gestione Ambientale(durata 40 ore – corso specialistico per auditor di terza parte qualificato AICQ SICEV)
  • Qualificazione Formatore per la Sicurezza.

Inoltre, al superamento di n. 10 allievi, saranno aggiunte le seguenti certificazioni:

  • ISO 9001: 2015 Lead Auditor Sistemi di gestione per la qualità 
  • ISO 50001: 2018 Lead Auditor Sistema di gestione dell’energia
FACULTY:
  • Docenti altamente qualificati: imprenditori, dirigenti, esperti di sicurezza, certificatori
  • Incontri testimonianze con sindacati, datori di lavoro e dipendenti di grandi realtà aziendali
PLACEMENT:
  • Ampie prospettive occupazionali
  • Orientamento alla professione e alla creazione di impresa
  • Sportello placement per tutti i corsisti per garantire un vincente matching tra allievo e azienda di stage e per individuare strumenti concreti per l’accompagnamento nel mercato del lavoro (tirocini, percorsi di apprendistato, bandi pubblici finalizzati all’assunzione ecc.)

Il safety manager è in grado di misurare, prevedere e costruire comportamenti finalizzati ad assicurare i più elevati standard di sicurezza. Al termine del master il corsista saprà usare correttamente i migliori strumenti di analisi e valutazione dei rischi connessi all’ambiente ed al contesto aziendale, organizzare e coordinare le dinamiche del lavoro e della sicurezza oltre che, naturalmente, sbrigare tutte le pratiche necessarie agli adempimenti di legge.

CODICE ATECO. 74.90.29 CONSULENZA IN MATERIA DI SICUREZZA

Learning outcomes:   
  • Formulare e progettare un sistema, un processo, una procedura o un programma per soddisfare le esigenze legate alla sicurezza ambientale e aziendale
  • Prevenire, controllare e apportare efficacia ed efficienza, nonchè innovazione nella gestione delle principali risorse ambientali
  • Anticipare, riconoscere, prevenire valutare e controllare un problema in materia di sicurezza e salute sul lavoro; completare una revisione approfondita; formulare e testare ipotesi; raccogliere e analizzare appropriatamente dati qualitativi o quantitativi; interpretare e riportare i risultati utilizzando il giudizio scientifico per migliorare il campo della sicurezza e della salute sul lavoro o per fornire soluzioni a un problema di sicurezza e salute sul lavoro in numerose industrie per la protezione di persone, proprietà, ambiente.
  • Gestire efficacemente le funzioni di sicurezza e salute sul lavoro in una varietà di settori alla luce delle disposizioni di legge.
  • Giustificare i programmi di sicurezza e salute sul lavoro, le iniziative e gli sforzi di controllo attraverso l’uso delle metriche di gestione aziendale e del rischio, mantenendo la conformità con gli standard e le normative applicabili (compresa ISO 45001:2018) attraverso la valutazione scientifica dei risultati.
  • Implementare e controllare procedure di sicurezza atte ad affrontare “situazioni speciali”, quali pandemie, catastrofi naturali e incendi.
  • Comunicare in modo efficace e interagire con le persone a tutti i livelli all’interno di un’organizzazione ed esternamente.
  • Lavorare efficacemente nel team stabilendo obiettivi, pianificando compiti, rispettando le scadenze e analizzando il rischio e l’incertezza.
  • Lavorare in modo etico, morale, responsabile in tutti gli aspetti, ma soprattutto nella pratica della sicurezza.

Disoccupati/inoccupati, residenti in Basilicata, in possesso di:

  • Laurea triennale
  • Laurea specialistica
  • Laurea magistrale e/o vecchio ordinamento
ORGANIZZAZIONE DIDATTICA

Formazione d’aula: i contenuti dei moduli saranno veicolati in modo pratico e operativo, con un’illustrazione ampia ed aggiornata finalizzata a sviluppare un apprendimento analitico, ricco di senso critico e applicabile a diversi contesti.

Laboratori e role playing: la formazione sarà erogata secondo una metodologia tecnico-pratica attraverso incontri e azioni di simulazione guidata.

Project work: fase pratica del lavoro di formazione. I corsisti  progetteranno e/o analizzeranno e verificheranno piani di gestione della sicurezza partendo dallo studio e dall’analisi del caso reale, in affiancamento ai responsabili interni della sicurezza.

Stage: 400 ore saranno dedicate all’esperienza di tirocinio all’interno di importanti aziende,  dove saranno affiancati concretamente ai responsabili della sicurezza e potranno dedicarsi ai piani di gestione della sicurezza e immaginare nuove soluzioni per la prevenzione e gestione

ARTICOLAZIONE DELLE ATTIVITA’

Il master di 900 ore totali è articolato in:

  • 500 ore di formazione in aula/laboratorio/gruppi di studio/project-work/visite didattiche;

  • 400 ore di stage presso aziende regionali e nazionali

DOCENTI

Tutti i docenti sono manager di importanti aziende nazionali, dirigenti e amministratori, esperti di settore che apportano la loro elevata esperienza professionale e il loro “saper fare” nella soluzione di casi reali adottati come casi di studio durante la formazione.

 

Desal Safety – Tito Scalo (PZ)
Studio Iota – Potenza
STM srl – Tito Scalo (PZ)
IMPES service Spa – Ferrandina (MT)
C.E.C.A.M. Srl – Viggiano (PZ)
Giordano Studio – Trecchina (PZ)

Compass Spa – Vaglio Basilicata (PZ)

SicurLab – Lauria (PZ)
CLN Group Torino – sede di Atella (PZ)
Yanfeng Italia aut.int. Srl – San Nicola Melfi
Industrial Starter – Vicenza
Cofra srl – Barletta

  1. Orientamento alla professione

    • Il processo di scelta
    • gli strumenti per la presentazione sul mercato del lavoro
    • forme contrattuali e possibilità di lavoro in Italia e in Basilicata (tirocini, apprendistati ecc..) e In Europa
    • valori e vincoli professionali; autoefficacia percepita nel lavoro
    • la ricerca attiva del lavoro
    • il colloquio di lavoro (simulazioni)
    • i social network per il lavoro (es. linkedin)
    • i vari tipi di curriculum e il curriculum europeo
    • come si scrive il CV
    • competenze trasversali e tecnico – professionali
  1. Cultura della sicurezza e prevenzione del rischio in ambito aziendale ed ambientale

    • metodi e tecniche per la prevenzione dei rischi
    • la diffusione della cultura della sicurezza
    • Best practice
    • Analisi di casi
  1. Valutazione del rischio in ambito aziendale ed ambientale e sistema legislativo

    • Il decreto legislativo 81/08
    • La valutazione aziendale
    • Il piano di miglioramento
  1. DPI: scelta, utilizzo, formazione

    • Procedure di corretto utilizzo e manutenzione
    • Esempi pratici di scelta, utilizzo, vestizione corretta
    • Focus con produttori, esperti e consulenti
  1. Comunicazione, intermediazione, lavoro in team, negoziazione tra le parti

    • Comunicazione interpersonale e di gruppo
    • Team Working
    • Strategie negoziali
    • Gestione del tempo
    • Self marketing
    • Ruolo dell’informazione e della formazione
    • Organizzazione e sistemi di gestione
    • Benessere organizzativo compresi i fattori di natura ergonomica e da stress lavoro correlato
    • Il sistema delle relazioni e della comunicazione
    • Aspetti sindacali
  1. Modelli organizzativi e gestionali

    • Il dlgs 231/2001 e le sue finalità
    • I modelli organizzativi – gestionali
    • I soggetti responsabili
    • Le conseguenze per i soggetti responsabili
    • Ipotesi di interesse
    • Ipotesi di vantaggio
    • Realizzazione pratica di un modello organizzativo gestionale
    • MOG: organizzazione, gestione e controllo
    • Modelli, attività e protocolli
    • Il processo di risk management
    • Il sistema di controllo dei MOG
    • Analisi e mitigazione dei rischi
    • L’integrazione con le altre norme
    • Il codice etico
  1. Gestione delle emergenze: catastrofi naturali, incendi ecc…

    • Il sistema antincendio boschivo
    • Analisi dei rischi
    • La sicurezza nelle azioni di spegnimento incendi
    • Misure di supporto alle decisioni
    • Mezzi e attrezzature per l’antincendio boschivo
  1. Gestione delle pandemie

    • COVID, cosa è SARS COV, isolamento e quarantena
    • protezione del contagio nei luoghi di lavoro
    • disposizioni nazionali, OMS, UE, normativa
    • Direttive protocolli
    • WCM e qualità
  1. Introduzione al WCM

    • Struttura del WCM: pilastri tecnici e manageriali
    • Struttura del WCM: il sistema di audit e i punteggi
    • Concetto di perdita e spreco e concetto di zero
    • Struttura del WCM: i sette step
    • Concetto di MUDA
    • Approccio alle 5 S
    • Analisi delle 5 S. Esempi pratici
    • Il problem solving, Strumenti di analisi
    • Analisi degli errori umani
  1. Focus sulla sicurezza applicata ai diversi settori: Edilizia, Metalmeccanica/Automotive, Chimico/Farmaceutico, Siderurgico, Agroalimentare, Eolico, Oil & Gas, Energia

    • Rischi legati alla tipologia di produzione
    • Metodi e conoscenze legati ai settori specifici
    • Azioni da mettere in campo, in base ai settori specifici
    • Analisi di casi
  1. Cantieri Temporanei e Mobili

    • Gli adempimenti per la sicurezza negli appalti (art. 26 e Titolo IV)
    • I criteri per la verifica dell’idoneità tecnico-professionale di imprese affidatarie ed esecutrici
    • Il DUVRI
    • Il Piano di Sicurezza e di Coordinamento
    • Il Piano Operativo di Sicurezza e Piano Sostitutivo di Sicurezza
    • Misure di sicurezza in caso di emergenza
    • Logistica e viabilità da prevedere nei cantieri temporanei e mobili
    • Le misure anti contagio (CoVid-19), il protocollo sanitario
    • Esercitazioni pratiche
  1. Qualifica formatore per la sicurezza

    • Normativa e criteri per la formazione in ambito di sicurezza
    • La formazione come strumento di promozione della cultura della sicurezza
    • Didattica e didattiche di apprendimento
    • Obiettivi della formazione
    • Il ciclo di KOLB
    • L’apprendimento negli adulti
    • Il ruolo nelle emozioni
    • Le resistenze
    • I giochi di presenza
    • I principi e i livelli del cambiamento
    • Elementi di progettazione formativa nella sicurezza
    • Metodi, strategie e tecniche didattiche in ambito di formazione per la sicurezza
    • Attività esperienziale
  1. Imprenditorialità e sportello placement:strumenti e misure per l’avvio di impresa

    • Il lavoratore autonomo
    • Gli adempimenti del lavoratore autonomo
    • Forme giuridiche di impresa
    • Società di capitali e di persone
    • Regimi contabili
    • Strumenti e canali di finanziamento per l’avvio di impresa
  1. ISO 45001:2018

    programma auditor terza parte

  1. ISO 14001:2018

    programma auditor terza parte

  1. Visite didattiche in azienda

  1. Project work

    studio di casi aziendali ed elaborazione progetti/piani di sicurezza in ambito aziendale ed ambientale

  2. Stage

    400 ore in studi che si occupano di sicurezza sui luoghi di lavoro e di tutela ambientale o in aziende (area sicurezza e ambiente) in Basilicata  e in Italia

GALLERY

TESTIMONIANZE